Brera, Pushkin e certi incontri quasi mancati

“Brera incontra il Pushkin”, si chiama così l’esposizione aperta nella Pinacoteca milanese dall’11 novembre scorso.  Opere di Cézanne, Gauguin, Monet, Matisse, Renoir, Picasso, Rousseau e Van Gogh, direttamente dalla galleria Pushkin di Mosca. Ottima opportunità, possibile grazie ad un accordo per la chiusura dell’Anno della Cultura Italia-Russia. Uno scambio: a Milano una delle più importanti collezioni russe, contemporaneamente nella capitale sovietica  la mostra italiana dedicata al Caravaggio.
Peccato però che i milanesi – e non solo, perché l’esposizione a Brera ha attirato visitatori da tutta Italia – che hanno potuto gustare questi capolavori sono stati pochi. Un accordo poco chiaro tra la Sovrintendenza e la società che ha organizzato la trasferta delle opere ha infatti tenuto la mostra chiusa per quasi tutti i weekend dall’apertura ad oggi. Il motivo? I dipendenti della Pinacoteca hanno già prestato tutti i giorni di straordinario previsti dal loro contratto nazionale. Mentre la “disponibilità” messa nero su bianco da MondoMostre a fornire personale aggiuntivo è rimasta lettera morta. Il risultato lo potete vedere in questo video, girato con Gabriele Pieroni lo scorso 19 dicembre. Uno scenario che si è ripetuto anche nei fine settimana successivi. La collezione, comunque, merita davvero di essere vista. Resta a Milano fino al prossimo 5 febbraio. Anzi no, fino al 4: il giorno dopo, infatti, è di nuovo domenica.

This entry was posted in arte, attualità, I miei video su Milano (e dintorni) and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s